Parole al Vento

Oramai…ormai…ora…mai

È ormai passato tanto tempo dall’ultima volta che ho messo piede qui.

Un tempo lunghissimo, che nella mia testa ha la forma di una piccola campana di cristallo con dentro del fumo che continua a volteggiare.
Non fuoriesce, non diminuisce, non si alimenta, non cambia colore. Continua a vivere di vita propria senza un perché.
La verità?

La verità è che appartengo a quella categoria di persone che ha avuto la fortuna di continuare a lavorare, anche più del solito. Avere questa fortuna è stata, in parte, la mia salvezza, in parte, il mio fumo grigio.
Sì, perché quando ormai arriva la sera e hai passato tutto il giorno davanti un pc, l’ultima cosa che vuoi fare è rimetterti al pc, sebbene gli scopi siano differenti.
La verità è che spesso e volentieri non ho più nemmeno la fantasia, la voglia.
La verità è che dopo un po’ non hai più nemmeno l’ispirazione. Anche perché l’ispirazione si nutre di bellezza e la bellezza non è mai sazia, ma noi sì.

Siamo sazi di questo tempo.

È stato un tempo ladro di una vita che non vivi, di cose che non fai, di parole che non dici. Un tempo che ci ha costretti a rivedere i piani, che ha annientano le nostre idee di futuro, quelle idee che, tutto sommato, consideravamo certezze.

La nostra finestra sul mondo è diventata internet. Attraverso internet vediamo cosa succede là fuori, ci informiamo, ci disinformiamo, impariamo, comunichiamo, ci incontriamo con amici e parenti (ma ormai ci siamo stancati anche di questo), condividiamo, critichiamo, giudichiamo, ci guadagniamo da vivere, ma ci perdiamo la vita.

Come lessi tempo fa da qualche parte, non ricordo dove, il punto è che non si è mai innamorati di quel che si ha, ma di quel che non si ha – o che ormai si è perso – aggiungerei io.

E niente..ho preso una foto a caso e messo un po’ di pensieri a caso, per tornare in punta di piedi da queste parti, sia mai che torni un po’ d’ispirazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.